ISTANBUL SEMINARS 2016:Religione e Diritti nella Sfera Pubblica

Istanbul Seminars 2016 | 24-28 maggio 2016
Movimenti sociali, partiti politici e istituzioni di ispirazione religiosa possono avere un impatto positivo sulle società migliorandone la coesione e la vita civile, ma qualsiasi religione può anche svolgere un ruolo negativo, radicalizzando le identità, rendendo più difficili i compromessi, causando violenza e guerre. Che le tradizioni religiose rischino di essere un’arma a doppio taglio è particolarmente evidente oggi, soprattutto nel mondo musulmano, dove l’alternativa rovinosa tra Islam radicale e dittatura, cui ben pochi paesi sfuggono, sta bloccando ogni speranza di successo nella democratizzazione e modernizzazione di quelle società. Perché la religione può dare in certe situazioni importanti contributi alla legittimazione della democrazia e, allo stesso tempo, diventare fonte di estremismo e di intolleranza? Qual è la connessione tra il radicalismo religioso e l’eredità coloniale e post-coloniale? L’estremismo islamico è una conseguenza di un processo fragile e violento di ‘state-building’ imposto da regimi secolari autoritari, o viceversa? Può essere spiegato dal collasso delle ideologie nazionaliste e socialiste? o dall’arretratezza economica e dalle ineguaglianze? Le dottrine religiose possono spianare il terreno alla radicalizzazione delle identità autonomamente e indipendentemente dal contesto politico e sociale? Vi sono ragioni teologicamente inerenti alla religione o soltanto fattori esterni, sociali o politici? Gli Istanbul Seminars 2016 analizzeranno questi problemi sotto il profilo filosofico, politico, economico e giuridico.

Borse di studio e iscrizione:
Come sempre, non è previsto un costo di iscrizione. Reset-Dialogues non organizza il viaggio e l’alloggio dei partecipanti, ma è a completa disposizione per fornire informazioni e supporto tramite il sito www.resetdoc.org. Un numero limitato di piccole borse di studio (fino a 300 euro) per laureandi, dottorandi e post-doc, è messo a disposizione da Reset-Dialogues.

Coloro che vogliono richiedere la borsa di studio hanno l’obbligo di partecipare all’intera conferenza, dal 24 al 28 maggio.
La data di scadenza per fare domanda per la borsa di studio è l’8 aprile 2016. Ai candidati verrà notificato l’esito della selezione entro il 15 aprile 2016.
La data di scadenza per l’iscrizione senza richiesta di borsa di studio è il 15 maggio 2016.

CLICCARE QUI PER COMPLETARE IL FORMULARIO DI ISCRIZIONE

 

MAGGIORI INFO

Istanbul Seminars 2016 poster JPG - Copia

 

 

 

BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO “LUCIANO RUSSI” PER UNA TESI DI LAUREA IN DOTTRINE POLITICHE, STORIA DEL PENSIERO POLITICO

logo2501 La Fondazione Luciano Russi, nata allo scopo di conservare e diffondere l’eredità  culturale dello storico del Pensiero Politico, già  Rettore dell’Università  degli Studi di Teramo, nell’ambito delle proprie attività  istituzionali, promuove un premio di 1.500,00 euro lordi per le due migliori tesi di laurea discusse in un università italiana sul tema: “IL PROGETTO EUROPEISTICO E LE RELAZIONI EUROPA-MONDO NELLA STORIA DEL PENSIEROPOLITICO”.

Requisiti: Laurea magistrale conseguita dal gennaio 2014 al 30 aprile 2016 con un votazione non inferiore ai 105/110

Scadenza:31/05 2016

Maggiori informazioni:Bando Fond L. Russi 2015

 

PREMIO DI LAUREA SANDRO PERTINI

Il Movimento UILS ha pubblicato la prima edizione del Premio di Laurea Sandro Pertini. Un Premio rivolto ai laureati Magistrale, a Ciclo unico o Dottorato che abbiamo conseguito il titolo tra il 1 Gennaio 2015 e il 31 Dicembre 2015, sviluppando l’argomento: “La Prima Repubblica, Sandro Pertini e la politica attuale”, o comunque ad esso attinente.

Sandro-Pertini

Bando UILS Premio Sandro Pertini

Domanda di partecipazione Premio Premio Pertinii

European University Institute, 3 posizioni di tirocinio aperte.

index

Il tirocinio si svolge nell’ambito della Comunicazione in un contesto di Politiche Europee. I tirocinanti sono supervisionati per svolgere mansioni nell’ambito delle pubbliche relazioni, rapporti con la stampa, gestione di contatti e organizzazione di eventi.

Nello specifico, i candidati che saranno selezionati per le 3 posizioni attualmente libere, verranno coinvolti nell’organizzazione della conferenza annuale The State of the Union, che ha visto la presenza di alte cariche dello stato e delle istituzioni internazionali nelle passate edizioni (https://stateoftheunion.eui.eu/

L’offerta, pubblicata sul portale dei tirocini UNIFI e contrassegnata dal *No 5288*, si inserisce nel quadro della convenzione con l’Università di Firenze che regola i tirocini curriculari di formazione ed orientamento e genera crediti formativi ai fini della carriera accademica.
Solo gli studenti regolarmente iscritti all’Università di Firenze (sia per corsi di laurea triennale che per quelli magistrali) e non ancora laureati sono idonei a candidarsi. Si richiedono conoscenze eccellenti del programma Microsoft Office software e della lingua inglese (livello minimo B2/C1).

I dettagli del offerta di tirocinio sono consultabili alla pagina web:
http://www.eui.eu/ServicesAndAdmin/CommunicationsService/Traineeships.aspx

Premio per tesi di dottorato in Storia contemporanea “Ivano Tognarini”

L‘Istituto Storico della Resistenza in Toscana, d’intesa con la famiglia Tognarini e con il patrocinio del Consiglio Regionale della Toscana, promuove un premio per tesi di dottorato in Storia contemporanea al fine di onorare la memoria, l’opera scientifica e l’impegno civile del prof. Ivano Tognarini, Presidente dell’Istituto dal 2000 alla sua scomparsa nel marzo 2014. Docente di storia moderna all’Università degli studi di Siena, Ivano Tognarini si occupò anche intensamente di storia del Novecento, con particolare attenzione ai temi dell’antifascismo, della guerra mondiale, delle stragi nazifasciste e della Resistenza. Attento alle esigenze della società civile, egli dedicò sempre grande cura nell’attività di ricerca e divulgazione delle conoscenze storiche, rivolgendo una specifica attenzione ai giovani, e svolse un’attenta opera di conservazione e promozione delle memorie dei territori e delle città della Toscana. Con questa iniziativa, nel ricordarne la figura, si intende quindi riconoscere il valore della ricerca storica quale lievito di crescita culturale della nostra società e in particolare di una cittadinanza attiva e consapevole.

Il premio è reso possibile grazie al sostegno e ai contributi di Unicoop Tirreno, COOPLAT, Cooperativa Cuore LiburniaSociale e degli amici e colleghi statunitensi di Ivano Tognarini: Diane Wagner, Ron Grossman, Linda Levine, Mark Heyrman, Peter Khan, Betsy Farley e Marlene Spicuzza.

Possono concorrere al premio i dottori di ricerca italiani e stranieri in Storia contemporanea che abbiano discusso la propria tesi negli anni solari 2014, 2015 e 2016 (entro la scadenza del presente bando) nell’ambito della storia italiana ed europea del fascismo e dell’antifascismo, della seconda guerra mondiale, della Resistenza e della storia dell’Italia repubblicana. Un’attenzione specifica, ma non vincolante, sarà rivolta alle ricerche inerenti il contesto della Toscana.

I partecipanti dovranno presentare apposita domanda su carta libera, anche in formato elettronico, indirizzandola all’Istituto Storico della Resistenza in Toscana (via Carducci 5/37 – 50121 oppure isrt@istoresistenzatoscana.it), unitamente ad un breve curriculum vitae e a una copia digitale della tesi di dottorato, entro il 29 febbraio 2016.

Le tesi possono essere redatte in italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo.Il premio, pari alla somma di Euro 3.500,00, sarà assegnato con giudizio motivato e insindacabile, eventualmente anche ex aequo, da una commissione giudicatrice composta da qualificati docenti universitari di storia contemporanea e nominata dall’Istituto Storico della Resistenza in Toscana.

TIROCINI RETRIBUITI ALLA CORTE DEI CONTI EUROPEA.Scadenza 31 gennaio 2016.

indexI tirocini prevedono una possibile retribuzione di 1120 euro al mese (salvo cambiamenti nei finanziamenti stanziati).
Per partecipare occorre:
– essere cittadini uno degli Stati membri dell’Unione Europea
– avere conseguito il diploma di laurea triennale o avere frequentato almeno quattro semestri di un corso di laurea inerente ai campi d’interesse della Corte dei Conti
– avere un’ottima conoscenza di una delle lingue ufficiali dell’UE e una buona conoscenza di un’altra lingua ufficiale
– non aver già svolto un tirocinio presso un’istituzione o organismo dell’Unione Europea
– non essere mai stati condannati per reati penali
– poter presentare un certificato medico di buona salute.

Per maggiori Informazioni:http://www.eca.europa.eu/it/Pages