Primo appuntamento con APERICON Tema: l’editoria, settore in crisi o in trasformazione?

Primo appuntamento con APERICON
Tema: l’editoria, settore in crisi o in trasformazione?

volantino-editoria

APERICON si presenta come un evento in cui si mette in contatto esperti\lavoratori con il mondo studentesco, con l’intento di facilitare una connessione tra queste due sfere.

Il format è molto semplice e informale organizzato in due tempi:
– Inizialmente i relatori parleranno della loro esperienza e delle opportunità del settore.
– Poi tutti a bere un prosecco, mangiare qualche salatino (offerto dall’Associazione ;D e fare due chiacchiere tra di noi.

Gli ospiti di questa giornata sono:
– Daniele Olschki, Casa editrice Leo S. Olschki
– Tommaso Gurrieri, Edizioni Clichy
– Lisa Lorusso, Pacini Editore

Vi aspettiamo!
Per informazioni: info@alumnicesarealfieri.it

HABEMUS DE ANNA

Finalmente siamo in possesso dei risultati del premio Barbara de Anna.

Congratulazioni ai vincitori che saranno contattati presto, via formale, per il conferimento della borsa.


00010002000300040005

Mauro Marabini

Con molto piacere diamo il benvenuto fra i nostri soci a Mauro Marabini, imprenditore bolognese da molti anni residente nel Principato di Monaco. Laureato nel 1961, ha aderito come socio sostenitore. Ringraziandolo per il generoso contributo offerto alla nostra Associazione riportiamo di seguito una sua breve nota biografica.
ob_7388c0_lianamarabini-21Nato a Bologna nel 1937, fa parte di una  importante famiglia di industriali della calzatura (la madre, Maria Magli è co-titolare e fondatrice della prestigiosa “Bruno Magli”). Studia a Bologna, prima le scuole d’obbligo e poi il liceo scientifico Augusto Righi.
Benché di natura profondamente umanista (ama la letteratura, la storia e l’arte), si laurea in scienze politiche, indirizzo economico, a Firenze nel 1961. Tra i professori c’è Giovanni Spadolini, che insegna storia contemporanea.
Entrato nell’azienda di famiglia dopo la laurea, Marabini continua ad impegnarsi nella vita culturale e politica della sua città.
Eletto presidente dei giovani industriali di Bologna, ha una visione  avanzata sull’evoluzione del mondo e attraverso le tendenze della moda, intravede il futuro della società. E’ tra i primi a comprendere l’importanza del miglioramento personale e fa spesso appello a società specializzate per la formazione del personale dei suoi negozi di calzature. Viene invitato in programmi radio, TV e nelle università, a parlare della moda e collabora con diversi giornali e riviste, dove scrive articoli, è tra i fondatori e animatori del Club 2000.
Mentre sviluppa i negozi Bruno Magli con la creazione di aziende negli USA e in Europa (e cura anche una piccola catena di alberghi di lusso di famiglia), Marabini continua ad impegnarsi nella vita culturale. Nel 1988 crea la casa editrice Il Fenicottero, che in pochi anni ha un catalogo di qualche centinaio di titoli e acquista la mitica Libreria Cappelli di Bologna, che dal XIV secolo è sempre e solo stata libreria.
Crea e dirige la rivista “Federalismo e libertà”, che esce per otto anni e che ospita sulle sue pagine firme prestigiose del mondo politico e accademico, italiano ed estero.
Dopo la morte dei genitori, Marabini cede le proprie quote della Bruno Magli ai cugini e si stabilisce all’estero, nel Principato di Monaco. Qui continua a sviluppare la catena di alberghi di lusso e diversifica la sua attività di industriale della cultura. Apre una nuova libreria, Scripta Manent (www.scriptamanent-monaco.com), specializzata in libri e manoscritti antichi, e fonda una casa editrice, Liamar Editions (www.liamar-editions.com). Nel 1998 lancia una rivista trimestrale in lingua italiana, “l’Editoriale”, salutata fin dall’esordio dal principe regnante Ranieri III. Nel 2008 fonda a Londra una casa di produzione cinematografica, la Condor Pictures (www.condor-pictures.com) che negli anni ha prodotto un catalogo di 24 film e documentari storici (l’ultimo “Mothers”, in uscita questi giorni nei cinema, parla della radicalizzazione all’islam dei giovani europei, i tristemente famosi foreign fighters).
Marabini non trascura la beneficenza e appoggia tre importanti realtà: arte, economia e università. Per quanto riguarda l’arte, è segretario generale dell’associazione Patrons of the Arts in the Vatican Museum (Monaco chapter): http://www.vatican-patrons.org che si occupa dell’acquisto, della conservazione e della restaurazione delle opere d’arte  esistenti nei Musei Vaticani (il terzo museo al mondo per numero di visitatori). Per l’economia, sostiene l’Istituto Bruno Leoni (www.brunoleoni.it) che attraverso conferenze, master, pubblicazioni e incontri teorizza l’importanza del libero mercato. Infine, aiuta l’università, accordando borse di studio all’ITI (International Theological Institute di Vienna), fondato dal Papa San Giovanni Paolo II nel 1996 (www.iti.ac.at).

LE PUNTE DI DIAMANTE DELLA CESARE ALFIERI

Con molto piacere facciamo gli auguri al nuovo capo della rappresentanza in Italia della Commissione europea, Beatrice Covassi, laureata della Cesare Alfieri, che rappresenta una nuova eccellenza della nostra Scuola.

57b391bfd598860ebc5ffac02b1e0cb7

http://ec.europa.eu/…/news/2016/20160415_beatrice_covassi_

Luca Gori

foto (1)

Luca Gori, nato a Firenze nel 1968, diplomatico di carriera ed autore di vari saggi e articoli su temi di politica internazionale. Nel 2007 ha pubblicato “Il russo del diplomatico” e nel 2008 “L’Unione Europea e i Balcani Occidentali”, tradotto anche in serbo. Dal 1999 al 2003 è stato Primo Segretario presso l’Ambasciata d’Italia a Mosca e dal 2003 al 2007 Consigliere alla Rappresentanza permanente italiana presso l’Unione Europea. Dal 2010 al 2014 ha prestato servizio presso l’Ambasciata d’Italia a Washington e attualmente lavora a Roma, nell’Ufficio Affari Diplomatici della Presidenza della Repubblica.

Il suo ultimo libro:

Titolo: “L’America allo specchio. Miti e realtà della strategia di Obama verso l’Asia-Pacifico e la cultura della sua politica estera”

Autore: Luca Gori
Editore: Aracne editrice, 2015.

Nico Frandi

Diplomatico, Consigliere di Legazione (Ministero Affari Esteri) Political Officer Department for Non-Proliferation and Disarmament EUROPEAN EXTERNAL ACTION SERVICE (EEAS)

Nico Frandi è un Diplomatico con tredici anni di esperienza (Consigliere di legazione). Dal 2011 è distaccato presso il Servizio Europeo Azione Esterna (SEAE) a Bruxelles, dove si occupa di non-proliferazione di armi di distruzione di massa e disarmo. Partecipa alle riunioni del G7 Non-proliferation Director Group.

Precedentemente, Nico Frandi ha ricoperto i ruoli di Primo Segretario responsabile per i diritti umani presso la Rappresentanza Permanente d’Italia alle Nazioni Unite, a Ginevra; Primo Segretario Commerciale e Vice Capo Missione all’Ambasciata d’Italia in Kuwait, dove ha anche esercitato la funzione di NATO focal point nell’ambito dell’Iniziativa di Cooperazione d’Istanbul con i paesi del Golfo; Secondo Segretario presso la Policy Unit del Consiglio dell’Unione Europea a Bruxelles (2004) e assistente del Corrispondente Europeo al Ministero degli Affari Esteri a Roma durante la presidenza italiana dell’Unione Europea (2003).

Prima di entrare in carriera diplomatica, ha lavorato presso il British American Security Information Council e il Centre for Strategic and International Studies, a Washington DC.

Laureato in Scienze Politiche presso la Cesare Alfieri dell’Università degli Studi di Firenze nel 1999, con una tesi in Storia delle Relazioni Internazionali sul controllo dell’Uranio tra il 1938 e il 1952. Borsista Fulbright alla Columbia University di New York (2001),  borsista alla Georgetown University di Washington DC (1998) e studente Erasmus al King’s College di Londra (1997).