Condividiamo con piacere questo evento

evento zanfarino

Chi è il Prof. Livi Bacci, premio Lotti 2019

Massimo Livi Bacci è nato a Firenze il 9 novembre 1936. È “figlio d’arte”: il padre, Livio Livi, il nonno, Ridolfo Livi e il bisnonno, Carlo Livi sono stati notissimi studiosi nel campo della statistica e delle scienze sociali, dell’antropologia e della psichiatria. Ha compiuto gli studi classici e si è laureato (1960) presso la Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” dell’Università di Firenze. Nel 1960-61 studia negli Stati Uniti alla Brown University. Inizia la carriera universitaria nell’Università di Roma e diventa Professore ordinario di Demografia presso l’Università di Firenze nel 1966 svolgendo il suo insegnamento prima nella Facoltà di Economia e Commercio e quindi (1984) presso la Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri”. Ha trascorso lunghi periodi di studio ed insegnamento negli Stati Uniti, in Messico, in Brasile e in vari paesi europei. Ha avuto una laurea ad honorem dall’Université de Liège ed una dall’Università Complutense di Madrid. È Accademico dei Lincei (dal 1985), membro della American Philosophical Society (dal 2004), della Japan Academy (2008), della Real Academia de la Historia (Madrid, 2015). Nel 2001 gli è stato assegnato il Premio Invernizzi per l’Economia. Dal 2009 è professore emerito dell’Università di Firenze. Nella lunga carriera ha prodotto libri, saggi ed articoli; ha diretto gruppi di ricerca; ha organizzato convegni e congressi; ha contribuito a fondare società scientifiche; ha collaborato con istituzioni pubbliche e private, nazionali e internazionali. Per vent’anni (dal 1973 al 1993) è stato alla testa –prima come segretario generale, poi come Presidente– della International Union for the Scientific Study of Population (IUSSP), la grande società scientifica di studi demografici. Ha avuto la responsabilità organizzativa e scientifica delle conferenze mondiali quadriennali di Messico (1977), Manila (1981), Firenze (1985), New Delhi (1989), Montreal (1993), ed ha avviato i contatti per la conferenza di Pechino (1997). Della IUSSP è attualmente presidente onorario. La sua attività scientifica ha riguardato vari aspetti della demografia italiana e mondiale, attuale e storica. È convinto assertore dell’utilità delle incursioni in campi disciplinari diversi da quello centrale ai suoi interessi (la demografia), utili per meglio comprendere i temi affrontati. Negli ultimi anni due sono i filoni che lo hanno appassionato, uno storico, l’altro attuale: lo studio delle popolazioni americane dopo la conquista e le intersezioni tra dinamiche demografiche e politiche sociali. Svolge attività pubblicistica, ha fondato ed è tra gli animatori del sito web Neodemos, dedicato a temi demografici e di politica sociale. Tra i libri pubblicati dalla fine degli anni ‘90, quasi tutti tradotti in varie lingue, si segnalano “La popolazione nella storia d’Europa” (Laterza, 1998); “Conquista. La distruzione degli indios americani” (Il Mulino, 2005) “Storia minima della popolazione del mondo” (Il Mulino, sesta edizione del 2012); “Eldorado nel pantano. Oro, schiavi e anime tra le Ande e l’Amazzonia” (Il Mulino, 2008); “Avanti giovani alla riscossa” (2008); “In cammino. Breve storia delle migrazioni” (2010); “Amazzonia. L’impero dell’acqua, 1500-1800” (2012); “Il pianeta stretto” (2015). La “Storia minima” è adottata in un gran numero di corsi di storia, di storia economica e sociale, di antropologia e di demografia in molti paesi (in Europa, Stati Uniti, Brasile, Cina e Giappone, tra gli altri). Dal 2006 al 2013, nella XV e XVI legislatura, eletto Senatore della Repubblica, è stato membro della Commissione Esteri; è sulla base della sua esperienza in Senato, e nella Commissione Schengen, che ha scritto (2013) l’e-book “Migrazioni. Vademecum di un Riformista” . Insieme a Alessandro Rosina e Roberto Impicciatore ha pubblicato l’ebook “Popolazione e politica” (2017). Neodemos (www.neodemos.info) è un foro on line, indipendente, “di osservazione, analisi e proposta la cui finalità consiste nell’illustrare il significato delle tendenze in atto, di interpretarne le conseguenze di breve e di lungo periodo, di suggerire interventi e politiche” (dal sito, alla voce “chi siamo”). È un sito costruito da demografi ma che raccoglie interventi pluridisciplinari e dialoga sia con le scienze sociali che con le scienze cosiddette “dure”, dalla fisica alla medicina. È una fonte di informazione scientificamente controllata, che, oltre agli articoli pubblicati fornisce anche altri strumenti di particolare interesse: – dal “demometro” che aggiorna in tempo reale i dati sulla popolazione mondiale, sulla popolazione italiana e al suo interno la quota di giovani sotto i 19 anni e di anziani sopra i 60 anni; – alla rubrica “lo sapevate che…” che mostra curiosi dati comparati, come per esempio (ultimo inserimento) il fatto che Italia e Spagna sono i paesi che hanno la quota più elevata di donne che diventano madri sopra i 40 anni, o, per citare un altro esempio, una mappa del mondo mostra che i paesi europei non avevano mai costruito barriere sui propri confini fino al 1990 e ne costruiscono molte proprio dopo la caduta del muro di Berlino – a una raccolta di video, la video galery, tratti da siti di tutto il mondo sui temi di interesse, come per esempio le immagini della NASA che fanno vedere la concentrazione della popolazione nel mondo e gli effetti sul clima, o il video dell’UNHCR sulle migrazioni, o un bellissimo video sugli stereotipi legati all’età; – a una serie di e-book su vari temi affrontati nel sito e nei convegni che organizza annualmente. Neodemos “evidenzia” i fatti principali che riguardano la popolazione, la società, la politica.

premio lotti 2019

Domenica 8 dicembre

DOMENICA 8 DICEMBRE alle ore 17 presso i locali della Parrocchia di Santo Stefano a Paterno (Via di Terzano, 26 – Bagno a Ripoli) la prof.ssa ELENA DUNDOVICH, docente di Storia delle Relazioni Internazionali all’Università di Pisa nonché consigliere dell’Associazione Alumni Cesare Alfieri, parlerà sul tema: “BREVI CENNI AL DESTINO DELLA PALESTINA NEL NOVECENTO”, ingresso libero.

assemblea-17-dicembre-2019

aperitivo-4-dicembre